Ultima pubblicazione

Cinema Farnese
di Fernando Acitelli

Un amore nel cuore di Roma, con Campo de’ Fiori come splendido sfondo. Un ragazzo di vent’anni, studente di Farmacia che cerca riparo (trovandolo) in luoghi lirici, e una donna più grande, una fricchettona bella e piena di colori, soprattutto nell’animo, dimorante in una mansarda a due passi da Piazza Farnese, in via Monserrato.
Un tempo irripetibile, senza fine, con traiettorie magiche: via dei Giubbonari, Campo de’ Fiori, Piazza Farnese, via Monserrato con la meravigliosa atmosfera degli anni 70. Ci si muove tra marmi, scheggiature classiche e popolani residenti, vocianti, speranzosi e rassegnati con davanti i nuovi miti, i nuovi rituali; e così fricchettoni a zonzo, ragazzi impegnati con un loro codice interiore anche eccessivamente esibito, femministe in transito dal Governo Vecchio, poeti come Renzo Paris, Dario Bellezza, Antonio Veneziani, a donare alla soffitta in via dei Pettinari, o ad una riadattata cantina, la magia dei versi. In tutto questo s’animava con mitezza il passato, cioè i vecchi, incappottati, spesso tossenti, e soprattutto perplessi per i nuovi linguaggi in ascolto e l’immediatezza della nuova gioventù irruente. Vecchi colti in uno stupore sommo davanti al cinema Farnese, tra i banchi del mercato, i tavolini del bar e delle trattorie. E’ in questo scenario che emerge il ventenne protagonista, innamorato di questa donna colta e indipendente.
I suoi quotidiani vagabondaggi per Roma nella scoperta di sé hanno il loro approdo sempre a Campo de’ Fiori che diviene, dunque, un porto sicuro, il posto dei sentimenti e dei colori: in fondo, il luogo della poesia. E poetica spontaneamente Campo de’ Fiori lo era davvero confluendo in essa tutta la zazzera del mondo in una fantasmagoria di pitture, fragranze, slogan, e con una gioventù di vedetta su tutto.

Fernando Acitelli
Nato e vive a Roma. Ha studiato Lettere Moderne presso l'Università “La Sapienza” di Roma e Filosofia alla "Pontificia Università Lateranense". Ha pubblicato dieci raccolte di poesia, tra cui La solitudine dell’ala destra; Cantos romani e Accattone. In prosa il romanzo Sulla strada del padre e due volumi di racconti: I vecchi esultano la sera e Miagola Jane Birkin, Filologia degli anni Sessanta.